Le origini oscure della FIAT



Non sapevo nulla di cavalleria e nobiltà torinese, e anche il tenente Federigo Caprilli, per me, era un illustre sconosciuto con un nome un po’ curioso. Non così, ovviamente, quello del senatore Giovanni Agnelli sr. Ma ho un po’ imparato a riconoscere la prepotenza nei suoi vari camuffamenti e so cosa significa agire in barba al luogo comune.


Ebbene, questo ufficiale insolito perché non votato alla carriera né all’obbedienza cieca, e forse è la stessa cosa, solo seguendo intuito e passione, capovolge le secolari convinzioni della Scuola di cavalleria di tradizione sabauda fino a ristabilirne i canoni. Lo ostacolano, ma nulla possono contro il successo innegabile delle sue innovative quanto logiche tecniche. Respingere l'ortodossia, il fondamento degli insegnamenti. Molte sono le donne che cadono ai suoi piedi, soprattutto quelle infelici dei più alti, altissimi, eccelsi ranghi sociali. Lui rimane fedele solo a sé stesso e all’amicizia con l’ex-commilitone Emanuele Cacherano di Bricherasio e la sua famiglia. Sarà proprio questi, di nobile ascendenza valdese (ma inviso ai Savoia) e di idee illuminate, a concepire, come un sogno, la rivoluzione dei trasporti con la produzione in serie di autovetture, adoperandosi alla ricerca di soci e di capitali. La voce giungerà a un capace imprenditore della seta, il senatore Giovanni Agnelli, che riuscirà in poco tempo a capovolgere gli equilibri e le strategie a suo favore. L’autore ripercorre aneddoti, romanza puntuali citazioni storiche e prende senza dubbio le parti dei due protagonisti, il cui triste e misterioso epilogo si celebra all’ombra della fondazione del colosso torinese.



Non sappiamo quanto ci sia di verità, e dovremmo intervistare anche la controparte prima di decidere. Nel frattempo, ci si può ben accontentare di una lettura sagace e affascinante, intrisa appena in un umorismo mai eccessivo, stupefacente nel narrare quanto cauta nello svelare quando giunge il momento. E alla fine si rimane con una punta d’amaro per l’ennesimo mistero non-mistero, e titubanti per il teorico complotto.


Ma io sono più ottimista di nonno Caponetti: tutti raccogliamo il fio, ma non è detto che gli altri lo sappiano.

The Outsider, di Stephen King

Risultati immagini per outsider

Terry Maitland è lo specchiato allenatore della squadra di baseball di Flint City, ridente periferia immaginaria nell'Oklahoma. Però, davanti all'intero paese, lo arrestano

M, il figlio del secolo. La storia romanzata (ma non romanzesca) del Fascismo




Al centro: Gabriele d'Annuznio, Benito Mussolini e Italo Balbo

Ho conosciuto Antonio Scurati ascoltando una trasmissione su Radio Tre. Stava presentando il suo libro e mi hanno subito colpito l'eloquio fluente, privo di intellettualità e la novità della proposta su un argomento oggi ancora scottante e che pochi riescono ad affrontare senza cadere nel luogo comune.

La scomparsa di Patò, mia recensione

Risultati immagini per la scomparsa di patò libro

L'irreprensibile ragionier Patò, funzionario della Banca di Trinacria, presta il suo impegno nell'interpretazione di Giuda nell'annuale messa in scena del Mortorio durante la festa pasquale del paese. Senonché, al termine della sceneggiata provata e ripetuta centinaia di volte, Patò-Giuda cade nella botola come sempre ma sparisce letteralmente, perché nessuno

I tre Adolf di Osamu Tezuka, mia recensione

Risultati immagini per i tre adolf

Cos'hanno in comune Adolf Hitler, Adolf Kaufmann e Adolf Kamil? Nulla, a parte il nome, si direbbe. Molto, invece, bisogna dire dopo aver letto la storia di Osamu Tezuka. L'opera, di oltre milleduecento pagine in cinque volumi, non è la più corposa di questo prolifico autore, che ha prodotto altri manga enciclopedici come Buddha (quattrodici volumi), né lo è in ottica giapponese, dove non solo le storie a fumetti ma le sequenze stesse sono in genere dilatate secondo una sensibilità tipicamente orientale e durano abitualmente oltre i nostri concreti canoni occidentali.
Non ci sono comunque passaggi superflui perché

La giuria di John Grisham, mia recensione

Risultati immagini per john grisham giu

Un uomo muore per tumore ai polmoni dopo aver fumato due pacchetti di sigarette al giorno per trent'anni, e la moglie fa causa alla potentissima multinazionale del tabacco. Nel quasi paradossale processo in cui l'accusa è la parte debole e la difesa quella forte,

Il birraio di Preston di Andrea Camilleri, mia recensione

Risultati immagini per il birraio di preston

In occasione dell'inaugurazione del nuovo teatro, la scelta cade ne Il Birraio di Preston, un'opera semisconosciuta di un altrettanto poco noto autore fiorentino. Non è quindi il valore in sé a scatenare effetti controversi nella popolazione, ma

Il Post, il sontuoso cinema di Spielberg cede all'impegno

Risultati immagini per il Post Spielberg


I “Pentagon Papers” riassumevano la strategia segreta degli Stati Uniti in Vietnam. Il New York Times li pubblicò per la prima volta nel 1971, quando la guerra stava per finire. Il Washington Post, un quotidiano considerato periferico e un po' snobbato dai colleghi metropolitani, se ne occupò di nuovo

Ballando nel buio di Roberto Costantini, mia recensione

Risultati immagini per ballando nel buio costantini

Michele Balistreri è costretto ad abbandonare i miti della gioventù e della lotta armata quando Almirante scioglie Ordine Nuovo. Le sue certezze svaniscono e i suoi amici di lotta anche, prendendo ognuno la strada che la vita, la convenienza e le inclinazioni personali, gli suggeriranno. Solo lui, rimasto uguale a se stesso, dovrà fare i conti con il passato che,

Tre manifesti a Ebbing, Missouri, mia recensione

Tre manifesti a Ebbing, Missouri: recensione del film con Frances McDormand in concorso al Festival di Venezia 2017

Frances Mc Dormand è una madre affranta dal dolore perché sette mesi prima qualcuno ha ucciso sua figlia e non ancora ha saputo chi né il perché. Con lampo fruediano, decide di affittare tre cartelloni pubblicitari in disuso

Le origini oscure della FIAT

Non sapevo nulla di cavalleria e nobiltà torinese, e anche il tenente Federigo Caprilli , per me, era un illustre sconosciuto con un n...