domenica 19 dicembre 2010

"Destinatario Sconosciuto", episodio III

Cari amici,
o devo dire cari pazienti, preziosi lettori, questo nuovo episodio affronta questioni un po' più drammatiche.
Vorrrei dedicarlo ad un ragazzo che oggi non c'è più, e per rispetto suo e dei suoi cari non lo citerò.
Sì, perché lui non se lo aspetterebbe.
Eppure, se c'è una persona che, in tanti anni, posso dire di aver conosciuto come vittima della droga secondo tanti luoghi comuni, era proprio lui.
Rispettoso, buono, eppure mortalmente condizionato da situazioni che tutti abbiamo vissuto ma che, per fortuna, non tutti affrontano alla stessa maniera e, anzi, con le stesse terribili conclusioni.
Apparentemente aveva tutto per farcela, nella vita e contro la droga, ma non ce l'ha fatta.
Mi perdoni questa -forse- inattesa dedica; in Max e Geo c'è un po' di lui, e anche nelle riflessioni di Maggio.

Per quanto riguarda gli antefatti, posso giurare che l'episodio della signora fedifraga, il rinvenimento della droga è cronaca, così come l'epilogo di Max, sono accaduti veramente; anche se alcuni particolari sono funzionali alla storia.

Mi aspetto sempre i vostri commenti più sinceri, e buona lettura.

Anche .

Nessun commento:

L'uomo di Alcatraz, il costo della coerenza

Robert Stroud (Burt Lancaster) è condannato a nove anni di prigione per l'omicidio di un uomo che aveva picchiato una prostituta. Sil...