Etichette

recensioni (58) selfpublishing (46) kindle (36) kobo (36) onwriting (34) indie (33) scrittura (32) thriller (31) selfpub (29) giallo (20) cinema (13) film (13) fantascienza (11) leggere (11) sciencefiction (10) scrivere (9) SecondaGuerraMondiale (6) shoah (6) autoeditoria (5) romanzistorici (5) Fiction (4) Stephen King (4) amazon (4) ebrei (4) fatalflaw (4) fumetti (4) graphicnovel (4) Camilleri (3) Montalbano (3) carabinieri (3) distopia (3) mistery (3) umorismoebraico (3) 1992LaSerie (2) 22/11/1963 (2) 25aprile (2) 6/6/1944 (2) AmandaKnox (2) EXTRAVERGINEDAUTORE (2) Eichmann (2) IIGuerraMondiale (2) JohnGrisham (2) KDP (2) KenParker (2) Meredith (2) RICCARDOBRUNI (2) Resistenza (2) SELFPQ16 (2) Yara (2) autopubblicazione (2) ebraismo (2) genialità (2) giornatamemoria (2) guerra fredda (2) mitvah (2) procedural (2) procedurale (2) recensire (2) review (2) teatro (2) witz (2) 007 (1) 11/22/1963 (1) 16/10/1943 (1) 1993LaSerie (1) 1994laSerie (1) 7/10/1973 (1) AldoMoro (1) AndrewGarfield (1) AngelodiNeve (1) Antonio Gerardi (1) ApolloCreed (1) Archangel (1) AttimoFuggente (1) BarrieraInvisibile (1) Bauer (1) Ben Hur (1) Bossetti (1) BostonGlobe (1) Bouchercon (1) BrigateRosse (1) CaptainFantastic (1) CaseyAffleck (1) Charlton Heston (1) ChiaraAppendino (1) ClaudioSantamaria (1) Corruzione (1) Dallas (1) DelittoMoro (1) DesireePedrinelli (1) Domenico Diele (1) EichmannShow (1) EmmaStone (1) Episodio VII (1) Erba (1) Fabiola Gravina (1) Fatherland (1) ForzaItalia (1) GabrieleMainetti (1) GeneKelly (1) George Gershwin (1) George Lucas (1) Gioadebonis (1) GrayMountain (1) HacksawRidge (1) Harendt (1) HermannMelville (1) IleniaPastorelli (1) InTheHeartofTheSea (1) Inchieste (1) Iosif Stalin (1) Isola Misteriosa (1) James Bond (1) JeegRobot (1) John Kennedy (1) John le Carré (1) JohnWick (1) JuliaRoberts (1) Julio Verne (1) KennethLonergan (1) King Kong (1) Kong (1) La Scelta (1) La Spia Perfetta (1) LaLaLand (1) LaZonaMorta (1) Laura Chiatti (1) Le Carré (1) Lee Harvey Oswald (1) LegaNord (1) Lettricealcontario (1) Lew Wallace (1) Lingotto (1) LucaMarinelli (1) LuciaCantoni (1) ManchesterByTheSea (1) Marsilio (1) MelGibson (1) Miriam Leone (1) MobyDick (1) Moni Ovadia (1) Mossad (1) MostrodiFirenze (1) Musical (1) NathanielPhilbrick (1) Nazismo (1) NicolaGuaglianone (1) Normandia (1) Olindo (1) Oscar (1) PUBBLICARE (1) Pacciani (1) PaoloCucchiarelli (1) Philip K. Dick (1) PieroTony (1) PontealleGrazie (1) RaffaeleSollecito (1) RagnarJonasson (1) RhomaG. (1) Robert Harris (1) RockyBalboa (1) RomanzoStorico (1) RonHoward (1) Rosa (1) RyanGosling (1) SalTo17 (1) SalonedelLibro (1) SarahScazzi (1) Sbarco (1) Sellerio (1) Skull Island (1) SkyTv (1) Soldato Ryan (1) Sollecito (1) Spielberg (1) Stallone (1) StarWars (1) Stefano Accorsi (1) Steven Spielberg (1) Tangentopoli (1) Tea Falco (1) TheReader (1) TimBurton (1) USA (1) Unione Sovietica (1) ViggoMortensen (1) VincentMinnelli (1) aereo spia U2 (1) antisemitismo (1) attentato (1) balenabianca (1) banshee (1) betareading (1) blogger (1) capolavori (1) corsari (1) crichton (1) divisionecarriere (1) editoria (1) elena loewenthal (1) fiera del libro (1) formazione (1) giallo procedurale (1) hachette (1) hollywood (1) indipendenza (1) israele (1) legalthriller (1) libri (1) lisbethsalander (1) maccartismo (1) millennium (1) musica americana (1) neilsimon (1) palestina (1) pirati (1) piùlibripiùliberi (1) processo (1) retro (1) romanzi (1) romanzo (1) sarah glidden (1) skyatlantic (1) smashwords (1) spionaggio (1) spotlight (1) spystory (1) sterminio (1) storia (1) supereroi (1) vescovi (1) yiddish (1)

sabato 2 novembre 2013

I cinque "must" per pubblicare un libro

Mi piace tornare sulle parole di Claudia Tarolo e Marco Zapparoli.
Vediamo se ho capito bene: posto che il libro pubblicato deve essere venduto perché l'editore deve essere ripagato delle risorse investite, la pubblicità è necessaria e serve per portare i potenziali lettori a conoscenza che il libro che stanno cercando esiste.

Loro si rivolgono a lettori cosiddetti "forti", gente tosta, che legge molto ed è selettiva nelle scelte: un po' come mia moglie, diciamo. Ma ho qualche riserva su questa definizione, anche perché non riesco ancora a distinguere certa asserita qualità nei libri proposti, per esempio, dalla pubblicità stessa; però riesco a distinguere ciò che mi piace da ciò che non mi piace con le mie personali motivazioni. Come ogni lettore, no?
Detto questo, ci sono cinque ingredienti per il successo:
1. il testo, ovviamente, anche se qui ogni teoria cede alla cruda realtà: lo giudichiamo in base alle vendite o preventivamente in base alla presunta qualità intrinseca di cui sopra? Anche la formattazione è importante, e distingue una casa editrice dall'altra (quindi anche un self-pub'er dall'altro).
2. il titolo, e anche qui permettetemi di essere scettico: chi può giurare che un titolo funzioni meglio di una altro? Io sono molto istintivo, un titolo, per me, deve evocare l'idea centrale del romanzo che stiamo per leggere, pardon!, per acquistare.
3. la copertina, stesso discorso, non è che la versione a immagini del titolo; ma forse l'impatto è maggiore perché tendiamo a ricordare meglio le immagini delle parole.
4. il momento, come si fa a capire quando il mercato è pronto per quel libro che abbiamo nel cassetto? Provo a indovinarne una: forse quando il nostro genere è assente da un po' dalla top ten di qualsiasi rubrica letteraria; ma potrebbe essere vero anche il contrario!
5. il prezzo: non troppo alto per uno sconosciuto, per esempio, ma non troppo basso da indurre il potenziale acquirente e credere che il libro non valga un granché.
In definitiva, nessuno può garantire il successo del vostro libro, ma ogni volta che un libro ha successo, questi elementi sono tutti presenti!

Nessun commento: