Etichette

recensioni (59) selfpublishing (46) kindle (36) kobo (36) onwriting (34) indie (33) scrittura (32) thriller (31) selfpub (29) giallo (20) cinema (13) film (13) leggere (12) fantascienza (11) sciencefiction (10) scrivere (9) Fiction (6) SecondaGuerraMondiale (6) shoah (6) autoeditoria (5) romanzistorici (5) Camilleri (4) Montalbano (4) Stephen King (4) amazon (4) ebrei (4) fatalflaw (4) fumetti (4) graphicnovel (4) carabinieri (3) distopia (3) mistery (3) umorismoebraico (3) 1992LaSerie (2) 22/11/1963 (2) 25aprile (2) 6/6/1944 (2) AmandaKnox (2) EXTRAVERGINEDAUTORE (2) Eichmann (2) IIGuerraMondiale (2) JohnGrisham (2) KDP (2) KenParker (2) Meredith (2) RICCARDOBRUNI (2) Resistenza (2) SELFPQ16 (2) SkyTv (2) Yara (2) autopubblicazione (2) ebraismo (2) genialità (2) giallo procedurale (2) giornatamemoria (2) guerra fredda (2) mitvah (2) procedural (2) procedurale (2) recensire (2) review (2) teatro (2) witz (2) 007 (1) 11/22/1963 (1) 16/10/1943 (1) 1993LaSerie (1) 1994laSerie (1) 7/10/1973 (1) Aldo Moro (1) AldoMoro (1) AndrewGarfield (1) AngelodiNeve (1) Antonio Gerardi (1) ApolloCreed (1) Archangel (1) AttimoFuggente (1) Banda della Magliana (1) BarrieraInvisibile (1) Bauer (1) Ben Hur (1) Bossetti (1) BostonGlobe (1) Bouchercon (1) BrigateRosse (1) CaptainFantastic (1) CaseyAffleck (1) Charlton Heston (1) ChiaraAppendino (1) Claudio Cupellini (1) ClaudioSantamaria (1) Corruzione (1) Dallas (1) DelittoMoro (1) DesireePedrinelli (1) Domenico Diele (1) EichmannShow (1) Emanuela Orlandi (1) EmmaStone (1) Enrico Fermi (1) Episodio VII (1) Erba (1) Ettore Majorana (1) Fabiola Gravina (1) Fatherland (1) Fortunato Cerlino (1) ForzaItalia (1) Francesca Comencini (1) GabrieleMainetti (1) GeneKelly (1) George Gershwin (1) George Lucas (1) Gioadebonis (1) Gomorra (1) GrayMountain (1) HacksawRidge (1) Harendt (1) HermannMelville (1) IleniaPastorelli (1) InTheHeartofTheSea (1) Inchieste (1) Iosif Stalin (1) Isola Misteriosa (1) James Bond (1) JeegRobot (1) John Kennedy (1) John le Carré (1) JohnWick (1) JuliaRoberts (1) Julio Verne (1) KennethLonergan (1) King Kong (1) Kong (1) La Scelta (1) La Spia Perfetta (1) LaLaLand (1) LaZonaMorta (1) Laura Chiatti (1) Le Carré (1) Lee Harvey Oswald (1) LegaNord (1) Lettricealcontario (1) Lew Wallace (1) Lingotto (1) LucaMarinelli (1) LuciaCantoni (1) Majorana (1) ManchesterByTheSea (1) Marco Bocci (1) Marco d'Amore (1) Marsilio (1) MelGibson (1) Miriam Leone (1) MobyDick (1) Moni Ovadia (1) Mossad (1) MostrodiFirenze (1) Musical (1) NathanielPhilbrick (1) Nazismo (1) NicolaGuaglianone (1) Normandia (1) Olindo (1) Oscar (1) PUBBLICARE (1) Pacciani (1) PaoloCucchiarelli (1) Philip K. Dick (1) PieroTony (1) PontealleGrazie (1) RaffaeleSollecito (1) RagnarJonasson (1) RhomaG. (1) Robert Harris (1) RockyBalboa (1) Romanzo Criminale (1) RomanzoStorico (1) RonHoward (1) Rosa (1) RyanGosling (1) SalTo17 (1) SalonedelLibro (1) Salvatore Esposito (1) SarahScazzi (1) Sbarco (1) Sellerio (1) Skull Island (1) Sky Atlantic (1) Soldato Ryan (1) Sollecito (1) Spielberg (1) Stallone (1) StarWars (1) Stefano Accorsi (1) Steven Spielberg (1) Tangentopoli (1) Tau Editrice (1) Tea Falco (1) TheReader (1) TimBurton (1) USA (1) Unione Sovietica (1) ViggoMortensen (1) VincentMinnelli (1) adozione (1) aereo spia U2 (1) antisemitismo (1) attentato (1) balenabianca (1) banshee (1) betareading (1) blogger (1) bomba atomica (1) capolavori (1) corsari (1) crichton (1) divisionecarriere (1) editoria (1) elena loewenthal (1) fiera del libro (1) formazione (1) genitorialità (1) hachette (1) hollywood (1) indipendenza (1) israele (1) lager (1) legalthriller (1) libri (1) lisbethsalander (1) maccartismo (1) millennium (1) musica americana (1) neilsimon (1) palestina (1) pirati (1) piùlibripiùliberi (1) processo (1) progetto Manhattan (1) retro (1) romanzi (1) romanzo (1) sarah glidden (1) skyatlantic (1) smashwords (1) spionaggio (1) spotlight (1) spystory (1) sterminio (1) storia (1) supereroi (1) vescovi (1) yiddish (1)

sabato 2 gennaio 2016

Nel cuore dell'oceano, ovvero le origini di Moby Dick


La baleniera Essex lascia il porto di Nantucket per un viaggio a balene, all'apice dello sviluppo di questa particolarissima caccia, e quasi all'inizio della sua fine, si può dire. La nave viene affidata al capitano Pollard, alla sua prima esperienza,
la cui già superiore responsabilità è aggravata per la parentela con alcuni dei soci finanziatori e dalla presenza nell'equipaggio di suo nipote. Pollard rivela presto di sentire il peso di tutto questo, e un presagio quasi scontato e terribile si addensa sulla spedizione. Dopo la bonaccia, arrivano le prime prede e l'atmosfera sembra rilassarsi finché, in pieno oceano Pacifico, l'incontro con un gigantesco capodoglio bianco si rivela fatale. Con feroce intelligenza, la balena affonda infatti la nave e tenta di uccidere i superstiti, come consapevole che sia necessario per la sua sopravvivenza. Prima tre, poi due scialuppe vanno alla deriva e trovano approdo momentaneo nell'isola di Henderson, uno scoglio sperduto. Tre rimangono mentre gli altri ripartono nel tentativo di raggiungere le coste del Cile. Riusciranno a prezzo carissimo: non solo saranno costretti a cibarsi dei cadaveri dei loro compagni morti di stenti, ma dovranno anche tirare a sorte per uccidere uno di loro. Il giovane Pollard finirà così la sua avventura in mare.
Al ritorno a Nantucket, il secondo ufficiale Owen Chase raccontò la storia ad Herman Melville, o lui la venne a sapere chissà come: ma fu talmente impressionato da scrivere il suo capolavoro, Moby Dick.

Avevo letto l'omonimo libro-documentario di Nathaniel Philbrick già una quindicina di anni fa, quando uscì in Italia e rimasi impressionato dal fatto che una storia come quella di Moby Dick potesse avere un fondamento. In effetti è così, e il film di Ron Howard riporta in maniera fedele i temi del libro di Philbrick, essenzialmente una cronaca, ripercorrendo la storia sfortunata dei membri dell'equipaggio e appena colorandola di avventura per non annoiare lo spettatore. La sequenza della balena bianca è spettacolare e centrale nella trama, per quanto stupefacente, ma rimane il fatto scatenante di una tragedia chissà quante volte verificatasi anche in altri contesti.

Altro è il capolavoro di Melville (da tempo mio libro-mito), in cui il ruolo del leviatano opposto ad Achab è centrale per definire la vicenda umana di ciascuno, solo di fronte al suo destino unico, padrone e vittima allo stesso tempo di un Fato indifferente e di un Sovrannaturale appena intuibile.

Il film non ha avuto molto successo al botteghino, e non me ne stupisco: chi voleva lo spettacolo è rimasto deluso dalla sola sequenza della balena; chi cercava una facile trasposizione di Moby Dick ne ha trovato solo il prodromo. Ma la pellicola è comunque da vedere.

Vai al trailer!

Nessun commento: