martedì 16 aprile 2013

Argo, un film da Oscar

Ho avuto la fortuna e il piacere di essere invitato alla prima visione del film, perché mi ero perso l'appuntamento al cinema.
La storia -vera- del salvataggio di sei impiegati dell'ambasciata degli Stati Uniti a Teheran nel  momento forse peggiore, i giorni della rivoluzione integralista.
I sei fuggono nel momento dell'assalto all'ambasciata e si rifugiano per mesi nella residenza dell'omologo canadese.
Rocambolescamente, in 48 ore, l'infiltrato della CIA li riporta a casa fingendosi produttore, e loro cast e personale addetto, dell'inesistente film di fantascienza "Argo".
Il film è teso e cede qualcosa solo nella parte centrale al tipico ottimismo americano, il finale è degno dei migliori thriller e solo conoscendo la cronaca, e la storia, si mantiene la calma.
La ricostruzione scenografica e fotografica è eccellente, ci riporta indietro di oltre trent'anni, ma sembra l'alba della modernità.
5 stelle a Ben Affleck, regista, non solo un bel volto di Hollywood ma capace di (autentiche) produzioni memorabili fin dalla giovinezza professionale. Ricordate "Will Hunting"?
Trailer

Nessun commento:

L'uomo di Alcatraz, il costo della coerenza

Robert Stroud (Burt Lancaster) è condannato a nove anni di prigione per l'omicidio di un uomo che aveva picchiato una prostituta. Sil...