venerdì 31 maggio 2013

La recensione di Ugo

2.0 su 5 stelle Prodotto abbastanza modesto
Una conclusione macchinosa e abbastanza improbabile di un giallo con poco suspence. I profili di tutti i protagonisti sono piuttosto approssimativi

Allora: non so se sia un fake o altro. Poniamo che Ugo sia solo uno pseudonimo, che abbia letto il giallo e sia stato succintamente sincero. Si ha molto da imparare da critiche sincere.

Macchinosa? Ci penserò.

Improbabile? In tema di fiction, mi sembra contraddittorio definire improbabile una scelta narrativa.

Poca suspence? Me l'ha detto anche un altro, può darsi che lo sia o che semplicemente non gli sia piaciuto.

Che tutti i protagonisti abbiano profili approssimativi mi sembra non esagerato, ma proprio falso, e da qui mi viene il dubbio del fake.

Nessun commento:

L'uomo di Alcatraz, il costo della coerenza

Robert Stroud (Burt Lancaster) è condannato a nove anni di prigione per l'omicidio di un uomo che aveva picchiato una prostituta. Sil...