Etichette

recensioni (56) selfpublishing (45) kindle (36) kobo (36) onwriting (34) indie (33) scrittura (32) thriller (31) selfpub (29) giallo (19) cinema (13) film (13) fantascienza (11) leggere (10) sciencefiction (10) scrivere (8) SecondaGuerraMondiale (6) shoah (6) romanzistorici (5) Fiction (4) Stephen King (4) amazon (4) autoeditoria (4) ebrei (4) fatalflaw (4) fumetti (4) graphicnovel (4) carabinieri (3) distopia (3) mistery (3) umorismoebraico (3) 1992LaSerie (2) 22/11/1963 (2) 25aprile (2) 6/6/1944 (2) AmandaKnox (2) Camilleri (2) EXTRAVERGINEDAUTORE (2) Eichmann (2) IIGuerraMondiale (2) JohnGrisham (2) KDP (2) KenParker (2) Meredith (2) Montalbano (2) RICCARDOBRUNI (2) Resistenza (2) SELFPQ16 (2) Yara (2) autopubblicazione (2) ebraismo (2) genialità (2) giornatamemoria (2) mitvah (2) procedural (2) procedurale (2) recensire (2) review (2) teatro (2) witz (2) 007 (1) 11/22/1963 (1) 16/10/1943 (1) 1993LaSerie (1) 1994laSerie (1) 7/10/1973 (1) AldoMoro (1) AndrewGarfield (1) Antonio Gerardi (1) ApolloCreed (1) AttimoFuggente (1) BarrieraInvisibile (1) Bauer (1) Ben Hur (1) Bossetti (1) BostonGlobe (1) Bouchercon (1) BrigateRosse (1) CaptainFantastic (1) CaseyAffleck (1) Charlton Heston (1) ChiaraAppendino (1) ClaudioSantamaria (1) Corruzione (1) Dallas (1) DelittoMoro (1) DesireePedrinelli (1) Domenico Diele (1) EichmannShow (1) EmmaStone (1) Episodio VII (1) Erba (1) Fabiola Gravina (1) ForzaItalia (1) GabrieleMainetti (1) GeneKelly (1) George Gershwin (1) George Lucas (1) Gioadebonis (1) GrayMountain (1) HacksawRidge (1) Harendt (1) HermannMelville (1) IleniaPastorelli (1) InTheHeartofTheSea (1) Inchieste (1) Isola Misteriosa (1) James Bond (1) JeegRobot (1) John Kennedy (1) John le Carré (1) JohnWick (1) JuliaRoberts (1) Julio Verne (1) KennethLonergan (1) King Kong (1) Kong (1) La Scelta (1) La Spia Perfetta (1) LaLaLand (1) LaZonaMorta (1) Laura Chiatti (1) Le Carré (1) Lee Harvey Oswald (1) LegaNord (1) Lettricealcontario (1) Lew Wallace (1) Lingotto (1) LucaMarinelli (1) LuciaCantoni (1) ManchesterByTheSea (1) MelGibson (1) Miriam Leone (1) MobyDick (1) Moni Ovadia (1) Mossad (1) MostrodiFirenze (1) Musical (1) NathanielPhilbrick (1) Nazismo (1) NicolaGuaglianone (1) Normandia (1) Olindo (1) Oscar (1) PUBBLICARE (1) Pacciani (1) PaoloCucchiarelli (1) Philip K. Dick (1) PieroTony (1) PontealleGrazie (1) RaffaeleSollecito (1) RhomaG. (1) RockyBalboa (1) RonHoward (1) Rosa (1) RyanGosling (1) SalTo17 (1) SalonedelLibro (1) SarahScazzi (1) Sbarco (1) Skull Island (1) SkyTv (1) Soldato Ryan (1) Sollecito (1) Spielberg (1) Stallone (1) StarWars (1) Stefano Accorsi (1) Steven Spielberg (1) Tangentopoli (1) Tea Falco (1) TheReader (1) TimBurton (1) USA (1) Unione Sovietica (1) ViggoMortensen (1) VincentMinnelli (1) aereo spia U2 (1) antisemitismo (1) attentato (1) balenabianca (1) banshee (1) betareading (1) blogger (1) capolavori (1) corsari (1) crichton (1) divisionecarriere (1) editoria (1) elena loewenthal (1) fiera del libro (1) formazione (1) guerra fredda (1) hachette (1) hollywood (1) indipendenza (1) israele (1) legalthriller (1) libri (1) lisbethsalander (1) maccartismo (1) millennium (1) musica americana (1) neilsimon (1) palestina (1) pirati (1) piùlibripiùliberi (1) processo (1) retro (1) romanzi (1) romanzo (1) sarah glidden (1) skyatlantic (1) smashwords (1) spionaggio (1) spotlight (1) spystory (1) sterminio (1) storia (1) supereroi (1) vescovi (1) yiddish (1)

mercoledì 9 aprile 2014

Giancarlo Berardi, il genio "Indie" nostrano




Parlando di storie, siano esse libri, cinema o fumetti, preferendo toccare sempre grandi temi attuali come la violenza e la prevaricazione degli uomini sugli uomini e degli interessi economici sugli uomini, essendo incontrovertibilmente affascinato dalla grande forza narrativa di formidabili narratori come John Ford, Martin Scorsese e Hermann Melville e avendo, infine, scoperto la potenzialità dell'espressione nell'essere autore indipendente,
un tratto direi quasi indispensabile per poter portare qualcosa, se non sempre di nuovo, sicuramente di autonomo; tutto questo considerato, non potevo non incappare nella mia piccola, personale storia di sognatore di storie, in quel geniaccio di Giancarlo Berardi, l'autore, tra l'altro, di Ken Parker.


O forse potevo, ma il destino ci ha fatti incontrare lo stesso. Non avevo tredici anni, e quel primo numero in edicola di Ken Parker fu una rivelazione. Io ero attento a ogni uscita, non c'era internet e ogni nuova sbucava letteralmente dal nulla. Quel tizio a cavallo mi guardava, e io guardavo lui. Non ci saremmo più lasciati. Si vedeva già che non era il solito cowboy, e quando finii di leggere quella storia non credevo ai miei occhi. Questo aveva un fratello, gliel'avevano ucciso e erano scappati! Non vinceva sempre, non era imbattibile, i cattivi erano mescolati ai buoni e forse erano anche cattivissimi, perché spietati.
Nelle storie successive il personaggio si evolveva, fuggendo dal suo senso di colpa, incontrando donne e concedendo camei a illustri colleghi più famosi. Oggi si direbbe cross-over, lo so.
Ma il personaggio era vero, era vivo, e quelle storie lasciavano nostalgia e desiderio di rileggerle dall'inizio, qualche volta sperando che prendessero un'altra piega. Che cos'è se non vita, o immaginario che prende vita?


Chi sa non dimentica la vitalissima Pat o'Shane (riapparsa un secolo dopo in una puntata di Julia), il senatore Ely Donehogawa, il soldato nell'ultimo giorno di servizio, il riscatto della schiava nera Adah, l'incontro con Moby Dick, lo sciopero degli operai a Boston... mi viene voglia di rileggerli tutti! E le copertine lunghe? Un altro regalo di qualità a lettori fedelissimi. E quella frase alla quale avrei pensato più volte nel corso della mia vita peregrina: "In una grande città, un uomo solo è veramente solo."

Giancarlo Berardi ha lottato per far uscire i suoi personaggi non cedendo alle lusinghe del denaro e dell'accomodamento. Tutta la sua carriera ci dice questo. È un autore indipendente fin da quando, ragazzo, scelse per la prima volta che avrebbe imbracciato la penna per dire ciò che aveva da dire e dare il suo contributo all'umanità. Fedele al suo credo, ha lasciato che la sua creatura andasse per la sua strada, augurandosi un felice ritorno come ogni degno padre che attende il suo figliol prodigo. Se questo non è essere indie!

Oggi sappiamo che una nuova edizione sarà presto in edicola, prestissimo, l'11 aprile, e credo proprio che quello stesso ragazzino sognatore e -forse- un po' ingenuo sarà ancora lì, come 37 anni fa.



Leggi questa bella intervista a Giancarlo Berardi

Nessun commento: