Etichette

recensioni (55) selfpublishing (43) kindle (36) kobo (36) onwriting (34) indie (33) scrittura (32) thriller (31) selfpub (29) giallo (19) cinema (13) film (13) fantascienza (11) leggere (10) sciencefiction (10) scrivere (8) SecondaGuerraMondiale (6) shoah (6) romanzistorici (5) Fiction (4) Stephen King (4) amazon (4) ebrei (4) fatalflaw (4) fumetti (4) graphicnovel (4) autoeditoria (3) carabinieri (3) distopia (3) mistery (3) umorismoebraico (3) 22/11/1963 (2) 25aprile (2) 6/6/1944 (2) Camilleri (2) EXTRAVERGINEDAUTORE (2) Eichmann (2) IIGuerraMondiale (2) JohnGrisham (2) KDP (2) KenParker (2) Montalbano (2) Resistenza (2) SELFPQ16 (2) autopubblicazione (2) ebraismo (2) genialità (2) giornatamemoria (2) mitvah (2) procedural (2) procedurale (2) recensire (2) review (2) teatro (2) witz (2) 007 (1) 11/22/1963 (1) 16/10/1943 (1) 1992LaSerie (1) 7/10/1973 (1) AldoMoro (1) AmandaKnox (1) AndrewGarfield (1) ApolloCreed (1) AttimoFuggente (1) BarrieraInvisibile (1) Bauer (1) Ben Hur (1) BostonGlobe (1) Bouchercon (1) BrigateRosse (1) CaptainFantastic (1) CaseyAffleck (1) Charlton Heston (1) ClaudioSantamaria (1) Corruzione (1) Dallas (1) DelittoMoro (1) EichmannShow (1) EmmaStone (1) Episodio VII (1) Erba (1) Fabiola Gravina (1) ForzaItalia (1) GabrieleMainetti (1) GeneKelly (1) George Gershwin (1) George Lucas (1) GrayMountain (1) HacksawRidge (1) Harendt (1) HermannMelville (1) IleniaPastorelli (1) InTheHeartofTheSea (1) Inchieste (1) Isola Misteriosa (1) James Bond (1) JeegRobot (1) John Kennedy (1) JohnWick (1) JuliaRoberts (1) Julio Verne (1) KennethLonergan (1) King Kong (1) Kong (1) La Scelta (1) LaLaLand (1) LaZonaMorta (1) Le Carré (1) Lee Harvey Oswald (1) LegaNord (1) Lew Wallace (1) LucaMarinelli (1) ManchesterByTheSea (1) MelGibson (1) Meredith (1) MobyDick (1) Moni Ovadia (1) Mossad (1) Musical (1) NathanielPhilbrick (1) Nazismo (1) NicolaGuaglianone (1) Normandia (1) Olindo (1) Oscar (1) PUBBLICARE (1) PaoloCucchiarelli (1) Philip K. Dick (1) PontealleGrazie (1) RICCARDOBRUNI (1) RockyBalboa (1) RonHoward (1) Rosa (1) RyanGosling (1) SarahScazzi (1) Sbarco (1) Skull Island (1) SkyTv (1) Soldato Ryan (1) Sollecito (1) Spielberg (1) Stallone (1) StarWars (1) Steven Spielberg (1) Tangentopoli (1) TheReader (1) TimBurton (1) USA (1) Unione Sovietica (1) ViggoMortensen (1) VincentMinnelli (1) Yara (1) aereo spia U2 (1) antisemitismo (1) attentato (1) balenabianca (1) banshee (1) betareading (1) blogger (1) capolavori (1) corsari (1) crichton (1) editoria (1) elena loewenthal (1) fiera del libro (1) formazione (1) guerra fredda (1) hachette (1) hollywood (1) indipendenza (1) israele (1) legalthriller (1) libri (1) lisbethsalander (1) maccartismo (1) millennium (1) musica americana (1) neilsimon (1) palestina (1) pirati (1) piùlibripiùliberi (1) processo (1) retro (1) romanzi (1) romanzo (1) sarah glidden (1) skyatlantic (1) smashwords (1) spionaggio (1) spotlight (1) sterminio (1) storia (1) supereroi (1) vescovi (1) yiddish (1)

mercoledì 27 novembre 2013

"Un'oscura verità", recensione



Non è necessario essere un blockbuster per essere un buon film; quando si trattano argomenti attualissimi e scottanti, poi, forse le due cose sono incompatibili.

Infatti, il cast non è stellare in senso hollywoodiano ma sostanziale: Forest Whitaker e Andy Garcia sono due pezzi da novanta e hanno dimostrato in carriera di privilegiare la qualità.
Una multinazionale compie una strage di civili in Ecuador per massimizzare i profitti, andando oltre il sopportabile. Quando la faccenda diventa incontenibile, il redento Jack Begosian (Garcia) va a salvare il testimone-chiave Francisco Francis (Whitaker) ospitandolo, dopo mille pericoli, nel suo programma d'inchiesta radiofonico nel liberale Canada.
I buoni e i cattivi sono divisi da un confine netto ma i personaggi non sono affatto banali; anzi, quasi tutti sono sfumati nelle zone grigie dell'esistenza, quelle dove nessuno è completamente pulito.
Ah! Se Maggio imparasse a sparare come Begosian e Torrance!
Voto: 10.

You don't need to be a blockbuster to be a good movie, and when you talk about the most actual and hot topics, maybe the two things are incompatible.
In fact, there aren't stars in the cast, but really best actors: Forest Whitaker and Andy Garcia are two big guns in high-quality movies.
A corporation carries out a massacre of civilians in Ecuador to maximize profits, going beyond the bearable. When things become overwhelming, the redeemed Jack Begosian (Garcia) goes to save the key-witness Francis Francisco (Whitaker) hosting it, after one thousand dangers, in his radio-inquiry broadcast in liberal Canada.
The Good ones and the Bad others are separated by a sharp boundary but characters are not at all trivial; indeed, almost all are shaded in gray areas of life, where no one is completely innocent.
Ah! If Maggio could learn to shoot like Begosian and Torrance!
Rating: 10.

vai al trailer

Nessun commento: