martedì 10 luglio 2018

La giuria di John Grisham, mia recensione

Risultati immagini per john grisham giu

Un uomo muore per tumore ai polmoni dopo aver fumato due pacchetti di sigarette al giorno per trent'anni, e la moglie fa causa alla potentissima multinazionale del tabacco. Nel quasi paradossale processo in cui l'accusa è la parte debole e la difesa quella forte,
i ruoli si scambiano in continuazione soprattutto fuori dall'aula, dove nessuno lesina mezzi pur di aggiudicarsi il verdetto. Ma tutti devono fare i conti con Nicholas Easter, un giurato dal passato misterioso, e sulla sua fedele compagna.

Il libro è del 1996 e si riconoscono il tratto e il mordente dell'ex-avvocato, nulla a che vedere con alcuni degli ultimi titoli che appartangono ormai alla sua post-produzione, quella dovuta a scadenza e troppo spesso poco ispirata. Non è certo la sua migliore storia ma è presente tutto ciò che lo ha fatto amare da milioni di lettori: personaggi e ambientazione caratteristici, architettura della trama, avvocati privi di scrupoli e milioni di dollari che circolano come fossero spiccioli.

Lasciano un po' perplessi certe consuetudini talmente irrispettose della legalità da apparire ingenui espedienti narrativi ma, a dire la verità, sono tratti caratteristici anche questi di John Grisham, e forse non sono così distanti dalla realtà. Se la corruzione esiste, ed esiste, in qualche modo deve essere perpetrata e l'inganno, specie quando vissuto da lettore, può apparire poco efficace.

Siamo lontani dalla perfezione de "Il rapporto Pelikan" e de "L'uomo della pioggia", che lessi in una notte, e dal finale mozzafiato de "Il partner", ma comunque nei pressi di quello de "Il socio". Un'ottima lettura di un Grisham d'annata.

Nessun commento:

I più popolari